Ultimo messaggio del Profeta Elia

Questo messaggio lo manda Il Profeta Elia dopo un lungo periodo di silenzio. Essendo stato destinato a Roma il Sacerdote che ci aveva seguite fino a metà percorso, siamo rimaste senza guida spirituale. Questo aveva creato agitazione in me e quindi mi ero rivolta ad un Padre esorcista di grande esperienza. Egli lesse tutti i messaggi che fin qui avevamo ricevuto. Dopo attenta analisi confermò che si trattava di Angeli di Dio e di aiuto divino ma ci disse anche che ,essendo molto ricettive, potevamo anche incappare in brutti incontri. Ci consigliò dunque di sospendere ogni comunicazione volontaria ovvero quella ottenuta tramite nostre domande. Così passò quasi un anno ma il richiamo degli Angeli e di Elia era forte. Abbiamo a lungo sofferto per il loro ‘silenzio’, silenzio non voluto da loro ma da noi.  Questo silenzio ha avuto fine giorno 22-10-2013 quando gli Angeli hanno comunicato in maniera nuova: telepaticamente, dettando il messaggio ad Ezia.

I campi erano ricchi di grano, bisognava mietere cio’ che era stato seminato. Bisognava trovare la via tagliando le messi…le nostre menti, sono adesso attente al ritorno che era stato interrotto ! Chi di voi si e’ perso ? Chi ha saputo trarre dagli insegnamenti la verita’ , le saggezza, la strada vera da percorrere ? Gli Angeli sono stati sempre al vostro fianco, ma voi non avete saputo ascoltarli. Vi hanno inondato di profumi, di amore, di infiniti segni, chi ha apprezzato tutto cio’ ? Adorate il nome di Dio, portatelo nei vostri pensieri ogni momento della giornata. Ascoltate i suoni melodiosi che gli Angeli di Dio vi fanno ascoltare nei momenti di silenzio. Ariel e’ in mezzo a voi , vi aiuta e sostiene nel difficile cammino della vita. Vi accompagnera’ in ogni vostro passo e, piu’ e’ incerto, piu’ troverete il suo sostegno. Soave e’ il loro canto, sappiatelo ascoltare. Non piangete se credete in un abbandono, e’ la vostra mente che ve lo fa credere. I vostri dolori sono ascoltati. Basan, e’ quello che voi cercate di raggiungere, ma non siete stanchi di arrivare sulle alte vette ? Io, da saggio, vi esorto a rimanere a valle dove troverete la terra promessa. L’ umilta’ e’ il raggiungimento della vetta, della pace dei cuori . Siate umili, caritatevoli, amate con semplicita’ cio’ che Dio vi ha donato. Accettate con amore tutti i dolori che la vita sulla terra vi ha donato e troverete la pace . Il tramonto della vostra vita e’ ricco di beltà. Nella meta che raggiungerete e’ racchiusa tutta la bellezza della natura, tutto cio’ che Dio Padre ci ha donato prima che l’uomo lo contaminasse…campi fioriti, profumi inebrianti, suoni melodiosi di note angeliche, colori dell’arcobaleno, sorgenti di acqua pura, anime sante che brillano di luce propria. Lode a Dio, lode a Dio Creatore dell’universo. Lodate l’unico Creatore dell’universo. Amate la mamma di tutta l’umanita’. Ascoltare gli ultimi messaggi che con amore vi dedica. Pace !!!!!

Annunci

UNITI COME UNA PIGNA !

Vi racconterò di un’esperienza assolutamente straordinaria che ho vissuto insieme alla mia famiglia. Durante i primi due anni di comunicazione con gli Angeli vi fu un Angelo in particolare sotto la cui guida incominciammo a muovere i primi passi spirituali. Questo Angelo si chiama Ariel. Ma  un giorno, mentre ero seduta alla scrivania aspettando  che arrivasse Ariel per comunicare con me come aveva sempre fatto ,  ecco giungere Uriel.

Mi  disse : ” Sono il vostro nuovo Angelo. Sarò io a condurvi da qui fino alla fine del vostro percorso spirituale. Siete a metà cammino. C’è molto da fare. Sono più severo. Silenzio assoluto alla mia presenza. ”

Questo Angelo, che in realtà è un Arcangelo,  dopo pochissimi incontri ci comunicò che sarebbe seguito un periodo di silenzio da parte Loro. Non avrebbero più comunicato con noi per compiere una verifica. Dissero che sia noi che loro abbiamo il libero arbitrio e quindi dovevamo sentirci liberi di vivere senza essere influenzati dalla loro presenza. ” Ormai sapete. Avete imparato. Se sbaglierete ve lo comunicheremo in sogno”. Naturalmente sarebbero sempre rimasti accanto a noi per vegliare su di noi …ma in silenzio! All’inizio mi sentii quasi tradita e abbandonata ma poi capii  che questo era davvero necessario. 

Un giorno mi sentii presa da grande sconforto per questioni familiari ed economiche e così chiesi mentalmente all’Angelo Uriel ( che ancora conoscevo così poco) di darmi un SEGNO. Mi accontentò immediatamente!

Apparve sul gradino di ingresso del mio negozio una PIGNA ! Quando la vidi pensai ad uno scherzo da parte di un passante. La presi in mano e cominciai a fare delle considerazioni con mio padre. Era una pigna grandissima. Aveva una forma aggraziata, come un fiore e poi aveva tutti i pinoli dentro. Era piena di resina che si appiccicava alla mie dita. Era ancora verde. Era viva, non come le pigne che troviamo a terra dopo che sono cadute dagli alberi. Stupidamente la poggiai esattamente dove l’avevo trovata e quando mi girai per riguardarla non c’era più!

Dopo molto tempo, quando le comunicazioni angeliche ripresero, Uriel mi disse che la pigna era il segno che avevo chiesto : ” UNITI COME UNA PIGNA NEI MOMENTI DI SBANDAMENTO”. Poi aggiunse che era sparita perchè l’aveva smaterializzata. 

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in una lettura su Madre Speranza , Fondatrice delle Congregazioni dei Figli e delle Ancelle dell’Amore Misericordioso di e con mia grande sorpresa ho letto questo : 

“Vivete, figli miei, sempre uniti come una forte pigna, sempre uniti per santificarvi, per dare gloria al Signore ed esercitare il bene verso le anime che trattano con voi”. (El pan 21, Exh 26.2.1966).